2C di Coveri | Microfusione
19986
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-19986,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Microfusione

Il reparto della Microfusione è uno dei fiori all’occhiello dell’azienda e gli addetti a questo settore sono consapevoli dell’importante contributo che forniscono. La microfusione, in  genere, è una tecnica eccezionale: offre a costi contenuti una flessibilità impensabile per le lavorazioni meccaniche. In questo reparto servono due cose: investimenti in tecnologia e  personale eccellente. Solo così si possono realizzare prodotto molto complessi, con forme difficili e basse tolleranze dimensionali. La Microfusione ci permette di rispondere sia a  richieste molto piccole che a produzioni importanti.

La tecnica, a dire il vero, non è proprio nuova, anzi, ha radici molto antiche. La storia e le civiltà sono piene di esempi di impiego di questa tecnica, comunemente chiamata “fusione a cera persa”. A Firenze addirittura abbiamo uno degli esempi più illustri di questa tecnica, il Perseo: una scultura bronzea di Benvenuto Cellini, considerata un capolavoro della  cultura manierista italiana ed una delle statue più famose di Piazza della Signoria.

Chiaramente nei secoli la tecnica ha fatto molti progressi e oggi la tecnologia ha un ruolo importante. Ma uno dei segreti di questa tecnica rimane legato all’uomo, alla corretta progettazione. Per questo servono persone preparate e responsabili che si sappiano muovere in squadra.

Ne abbiamo parlato in

MADEIN terza uscita - guarda >>

Date

15 maggio 2013

Category

I reparti